Peripatètico – Retrospettiva (Virtual Exhibition)

14/04/2020

Buongiorno e Benvenuti, sono Matteo Casali, in arte Caramello. Le condizioni di quarantena causata dal Covid-19 mi hanno portato a riflettere intensamente sulla mia pittura e voglio condividere con voi quelle che sono state le mie esperienze nel campo artistico negli anni passati.

Ho il piacere quindi di presentarvi la mia mostra virtuale intitolata “Peripatetico“, un viaggio retrospettivo che mira ad analizzare i punti chiave del mio percorso artistico pittorico dalle origini fino ad oggi, per individuare le opere e i momenti chiave di svolta che mi hanno portato ad avanzare nelle mie ricerche attuali.


“L’uomo che fuma”, acrilico su tela 70x50cm, 2012. L’opera è un autoritratto che mi riprende mentre fumo una sigaretta sul balcone di casa mia, una sera d’inverno.

Iniziai a dipingere nel 2012, mentre frequentavo ancora il Liceo Artistico di Schio (VI). All’epoca non avevo una ricerca seria e mi limitavo a dipingere persone con pennellate espressive ma senza ottenere grandi risultati. Tuttavia per onestà verso me stesso non posso rinnegare quelli che sono stati anni in cui la pittura iniziava a diventare parte fondamentale della mia vita.

 

 


Periodo delle Rocce

“Filo spinato”, olio su tela 20x30cm, 2018

“Torrente”, olio su tela 70x50cm, 2018

“Rovine del futuro”, olio su tela 80x100cm, 2018

Nel 2018, iniziato a frequentare l’Accademia di Belle Arti di Venezia, la mia pittura cambia drasticamente. Comincio una ricerca basata su storie suggerite, piccole nature morte in cui un filo spinato che intralcia la visuale crea mistero. Una serie di quadri piccoli e suggestivi che talvolta allargano la visuale mostrando interni di caverne e paesaggi rocciosi.

In “Rovine dal futuro”, le statue antiche si mostrano abbandonate e mescolate assieme ai massi che compongono l’interno di una caverna. Pezzi metallici si intravedono qua e la per raccontare una storia.

 

APPROFONDISCI IL PERIODO ROCCE:

http://www.matteocasalicaramello.it/opere/2019-e-precedenti/periodo-rocce/


Paesaggi

Paesaggio a tramonto, olio su tela 60x80cm, 2018

Caltrano, olio su tela 30x40cm, 2018

“Notturno”, olio su tela 28x35cm, 2018

Il mio sguardo si allontanava sempre di più dal particolare al generale e durante il workshop svolto a Forte Marghera (VE) iniziai a dipingere una serie infinita di piccoli paesaggi, in cui le rocce venivano sempre meno a favore di una, pur sempre solitaria, vegetazione, e una quantità enorme di disegni a tema.

 

APPROFONDISCI I PAESAGGI:

http://www.matteocasalicaramello.it/opere/2019-e-precedenti/paesaggi/

APPROFONDISCI I DISEGNI:

http://www.matteocasalicaramello.it/chine-matite/


Ritorno alla figura umana

Studio a carbone in grande formato

Andrea, olio su tela 100x80cm, 2019

All’ombra dell’acero, olio su tela 150x200cm, 2019

Il passo che portò dal semplice paesaggio all’inserimento in esso della figura umana fu inevitabile. Il paesaggio aveva esaurito il suo tempo e avevo bisogno di una nuova ricerca per continuare a dipingere in modo interessante. La figura umana immersa quasi sempre nel paesaggio che tanto avevo studiato era la strada giusta da percorrere.

Nell’opera “All’ombra dell’acero”, di grandezza 150x200cm, ho iniziato a comporre scene con più figure. In questo caso, due ragazzi trovano rifugio dal caldo primaverile all’ombra di un grande acero che, coi suoi rami ricurvi, copre il volto di uno dei due.

 


Perfezionamento della tecnica

L’aereo, olio su tela 120x120cm, 2019

Finestra sull’infinito, olio su tela 120x120cm, 2019

Panta rei, Caramello Matteo artista

Intreccio delle parche, acrilico e olio su tela 130x110cm, 2019

Il sacrificio di Thiene, acrilico e olio su tela 110x130cm, 2019

Dafne, acrilico e olio su tela 130x110cm, 2019

Lo studio della figura umana continuò portando la ricerca ad uno studio compositivo più complesso in cui venivano inseriti anche elementi e soggetti a carattere mitologico. Alcuni elementi indicavano già, però, la via che avrei intrapreso più avanti: nel dipinto “Finestra sull’infinito”, infatti, malgrado lo sfondo presenti un paesaggio, era già abbastanza neutro e la figura umana era caratterizzata più dagli indumenti che da un volto riconoscibile.

 

APPROFONDISCI IL PERIODO REALISTA:

http://www.matteocasalicaramello.it/opere/2019-e-precedenti/periodo-realista/


Il periodo Arancione

Panta rei

Panta Rei, acrilico e olio su tela 110x130cm, 2019

“Lampertico”, olio su tela 120x100cm, 2019

“Ricordi nel vento”, olio su tela 100x120cm, 2019

“Ricordi avvolgenti”, olio su tela 100x120cm, 2019

La ricerca continuava, prendendo una direzione insolita: durante il periodo che passai a Thiene, riportò la mia attenzione ai campi, tinti di arancione, e la figura umana era pesantemente influenzata dal mito di Dafne, studiato precedentemente. Qui, in ogni dipinto l’essere umano si fonde con il paesaggio, ora diventando albero, ora fondendo letteralmente il soggetto con lo sfondo. Le figure non erano più caratterizzate da un ritratto fedele, ma da pochi elementi, come le scarpe indossate. Nel dipinto “Ricordi avvolgenti”, la ricerca arancione volge al termine, ponendo tutte le basi per quella che sarà la successiva.

 

APPROFONDISCI IL PERIODO ARANCIONE:

http://www.matteocasalicaramello.it/opere/2019-e-precedenti/periodo-arancio/


Periodo Nero

In giardino, olio su tela 100x100cm, 2019

Fuga notturna, olio su tela 120x100cm, 2019

Danza nella notte, olio su tela 120x100cm, 2019

Parallelamente al periodo arancione, svolgevo uno studio completamente diverso: Il “Periodo nero”. Questa ricerca voleva riprendere la figura umana come la dipingevo nei primissimi quadri del 2012, con pennellate vigorose ed espressive, ma con tutta la nuova conoscenza appresa nel corso degli anni. In “Danza della notte”, i bambini (soggetto principale di questo periodo) mentre giocano si rendono conto dell’esistenza della morte; ogni bambino deve affrontare questo dramma e qui rappresento la sensazione di vuoto e depressione trasformando il giorno in notte e il giardino in un non-luogo. La vita intera diviene un luogo di passaggio vuota e senza personalità.

 

APPROFONDISCI IL PERIODO NERO:

http://www.matteocasalicaramello.it/opere/2019-e-precedenti/periodo-nero/


Periodo Bianco

La sfera nera, acrilico e olio su tela 120x100cm, 2020

La sfera nera, acrilico e olio su tela 120x100cm, 2020

Noia e pensieri, acrilico e olio su tela 100x80cm, 2020

Noia e pensieri, acrilico e olio su tela 100x80cm, 2020

Confessioni, acrilico e olio su tela 120x100cm, 2020

Confessioni, acrilico e olio su tela 120x100cm, 2020

Angolo di stanza, acrilico e olio su tela 120x100cm, 2020

Angolo di stanza, acrilico e olio su tela 120x100cm, 2020

 

La mia ricerca attuale l’ho intitolata “Periodo Bianco”, ed è la perfetta fusione del periodo arancione e del periodo nero: soggetti prevalentemente singoli, abbozzati, descritti e personalizzati solamente da un indumento, su stanze (non-luoghi) vuote, anonime, fredde. Il dipinto “The Black Sphere” rappresenta appieno il senso della mia ricerca: poche linee che danno l’idea di uno spazio, un certo tipo di pantaloni che caratterizzano il personaggio e una sfera nera, che suggerisce una storia in modo sottile.

 

APPROFONDISCI IL PERIODO BIANCO E NERO:

http://www.matteocasalicaramello.it/opere/2020-2/periodo-nero/

http://www.matteocasalicaramello.it/opere/2020-2/periodo-bianco/


Contatti:

E-mail: matteocasalicaramello@gmail.com

 

Seguimi su Instagram!

https://www.instagram.com/matteocasali.caramello/